grimaldi_logo
Studio
Chi siamo
Prestazioni
Serenità in poltrona
Carta servizi


 
Faq

Perché apparecchi ortodontici?

Le malocclusioni più frequenti

Apparecchi ortodontici nei bambini

Apparecchi ortodontici negli adulti

Tecnica linguale

Domande e risposte

...........................................................

...........................................................

 

 

    Pedo ortodonzia . ....Avanti
 


Dott.ssa Lara Lenatti

Che cos’è la pedodonzia?
E’ quella parte dell’odontoiatria che si occupa della cura dei denti nei pazienti in età pediatrica (terapie conservative, estrazioni, sigillature) e della prevenzione della loro salute orale.

Perché è importante curare anche i denti decidui?
Anche i denti decidui, come quelli permanenti, sono innervati e vascolarizzati. Quindi, se si cariano, possono provocare dolore e/o infezioni, con possibili conseguenze alla dentatura permanente.
Quando una carie è particolarmente profonda (interessamento della camera pulpare), si rende necessario ricorrere alla devitalizzazione dell’elemento dentario. In questi casi si utilizzano materiali per la chiusura scanalare che non interferiscono con il riassorbimento radicolare che si verifica fisiologicamente quando l’elemento deciduo cade per essere sostituito dal corrispettivo permanente.
Inoltre, se i denti decidui vengono persi troppo precocemente a causa di una carie destruente, si possono presentare problematiche di tipo ortodontico a carico della dentatura permanente (perdita di spazio con conseguente sovraffollamento e disallineamento).

Perché talvolta è necessario estrarre i denti decidui prima del tempo?
Se un elemento deciduo è talmente compromesso dalla carie da determinare continue infezioni (fistole gengivali, ascessi), ne è indicata l’estrazione per poter evitare possibili conseguenze alla dentatura permanente. In questi casi, se l’eruzione del corrispettivo permanente non è prossima, è necessario ricorrere all’utilizzo di un mantenitore di spazio per evitare che gli elementi adiacenti a quello estratto occupino lo spazio destinato al permanente.
Altre volte, invece, può essere indicata l’estrazione di un elemento deciduo per facilitare l’eruzione del corrispettivo dente permanente.

Cosa sono le sigillature?
Le sigillature consistono nella chiusura dei solchi occlusali dei molari permanenti (talvolta anche dei premolari) con resine apposite e hanno lo scopo di prevenire la formazione della carie. Vengono effettuate sui pazienti che non riescono a mantenere una corretta igiene orale (soprattutto nei settori posteriori), su quelli predisposti allo sviluppo della carie e/o su quelli che presentano elementi dentari con solchi particolarmente profondi. Nei pazienti predisposti allo sviluppo delle lesioni cariose e/o con un'igiene orale insufficiente è indicata la sigillatura anche dei molari decidui.

Cos'è il protossido d'azoto (sedazione cosciente)?
Purtroppo non sempre è possibile ottenere una collaborazione piena da parte del piccolo paziente, nonostante la cura dei denti venga presentata come un gioco.
Nei pazienti poco collaboranti è possibile ricorrere all'utilizzo della sedazione cosciente: con l'ausilio di una mascherina nasale colorata e profumata viene fatta inalare al piccolo paziente una miscela di protossido d'azoto e ossigeno che provoca una sedazione del paziente, senza però inibirne la coscienza. In questo modo è possibile ottenere la collaborazione del paziente e procedere con le cure. Al termine della seduta viene fatto inalare al paziente ossigeno puro per qualche minuto al fine di annullare l'effetto del protossido d'azoto.

Prevenzione della salute orale nel paziente pediatrico
E' molto importante che anche i piccoli pazienti imparino a lavarsi i denti nel modo corretto e a mantenere una buona igiene orale.
Ogni volta che il paziente viene in studio per un controllo si pone particolare attenzione all'igiene orale: si spiega al paziente come spazzolare correttamente i denti utilizzando modelli dimostrativi e si spiega ai genitori l'importanza di una corretta alimentazione e della fluoroprofilassi.

Dentimond